Arrivo previsto. Dialogo tra un santo e un navigatore


di Azael
21 luglio 2009

*Poesia nella quale il poeta continua il suo dialogo con il navigatore, uscendone perseguitato e amaro. Una poesia politica, perciò.

Gira a destra, quindi a destra.
Tra duecento metri fai una giravolta
falla un’altra volta, quindi tieni la sinistra.
Lo so bene che alle lementari copiavi i dettati.
Arrivo previsto 19 e 27.
E io accelero un poco.
Accelléri?
Arrivo previsto 19 e 23, allora. Ti sei pisciato a letto che avevi 15 anni.
Fai inversione  a U e vattene affanculo
ma tieni la sinistra, sempre.
Arrivo previsto 19 e 19, ti sta bene? Ieri sei entrato da Bata e non ti sei provato i mocassini perché avevi il calzino sinistro bucato.
E se prendo scorciatoglia?
19 e zerotre.
Ma son già passate.
Che vuoi da me?
Ma che ora è? Potevo sempre provarmi la destra.
Tieni la sinistra. Ti senti tanto furbo?
Ho paura, soffro, voglio andare a casa,
Ok, arrivo previsto, ieri. Coglione.
L’altro.

Tags: , , ,

Category: Filosofie da asporto | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

Nessun commento

Leave a Reply

What is 6 + 2 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)