Così


di azael
7 maggio 2011

*Poesia nella quale il poeta esegue autopsie d’amore su cadaveri tenuti benissimo

Lui
correva correva correva, di dietro,
e lei correva correva correva,
davanti,

poi lei rideva rideva rideva, davanti,
e lui moriva moriva moriva,
di dietro.

Poi lei si fermò,
lui si fermò,
lui morì,
lei gli mise una mano sugli occhi,

lui no, lui morì,

ma lei rise, lei rise:
era bello,
così.

Tags: , , ,

Category: Amore e robe umide, Il naturale inganno | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

Un Commento

Leave a Reply

What is 15 + 6 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)