Caro Gesù


di azael
23 dicembre 2012

*Poesia nella quale il poeta trova un’alternativa pedoletteraria a babbo natale per inoltrare rimostranze circa questa merda che c’è

Caro Gesù
non ti chiedo mai niente
non ti chiedo niente nemmeno questa volta
tanto esisti abbastanza poco
volevo solo dirti una cosa,

vedi le lucine di Natale? Sembrano occhi
che si aprono e si chiudono
e questa, checché tu ne dica, non è una cosa bella
è una cosa triste
io li avrei lasciati sempre aperti
per il mio compleanno
e poi vedi il bambinello steso nella mangiatoia? Sembra piccolo, ma
lo sai tu e lo so io,
verso aprile è già un signore di mezza età
morto di quasi primavera,

e poi vedi che disastro? Lo vedi che disastro? Tu non sei nato a luglio
se fossi nato a luglio
ora che è dicembre
avresti meno voglia di salvare i pianeti
tristi come il mio

Caro Gesù,
son trent’anni che è finito il Natale

le lucine e i bambinelli
intermittenti

avrebbero anche rotto
i coglioni.

Category: Filosofie da asporto | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

Un Commento

Leave a Reply

What is 4 + 8 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)