La tapina


di Azael
2 febbraio 2010

*Poesia nella quale il poeta sobilla menabbienti a reclamar dovuti

Entrò in panetteria
lui e la poverecchia
nessuno li guardava, cacava, nsiderava
esplose
mani in alto questa è una tapina
prese un maritozzo
ricco con la panna

e prima di fuggire
glielo si mangià

- le mani a conchetta, li denti a seghetta, le mani imbiancate, li denti a vendetta -

ronò.

Tags: , , , , ,

Category: Amara società | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

2 Commenti

Leave a Reply

What is 10 + 2 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)