Bella e gommosa


di Azael
6 ottobre 2009

*Poesia nella quale il poeta incontra una persona nella via e si mette in fila per esserne adoprato. Finale tragico con risvolti di morale.

La vidi, era bella e gommosa
era molto bella e aveva gli occhi accesi
come se li avessero colorati dopo
con dei pennarelli nuovi, costosi
sembrava una giraffa di gomma
avete presente le giraffe di gomma?
mi avvicinai come un esploratore
mi avvicinai e le dissi
ti ho vista e mi sei piaciuta subito
per quel tuo essere gommosa, forse
o per quel lungo collo
giallometaforico
con i puntini neri
come fai con le camicie bianche?
E la puzza delle cipolle dalle mani, come la togli quando fai il riso e le salsicce?
e cosa fai nella vita?
Faccio mentalmente una lista delle cose da fare – mi rispose
ah interessante, le dissi – anche adesso?
sì anche adesso
sei in treno di fare la lista?
sì, lo sono
e io ci sono nella lista delle cose da fare?
ci sei – mi disse
bene
e quando hai intenzione di farmi?
molto presto – rispose, nascondendo il collo nella sabbia
come uno struzzo.
Restò lì per alcuni minuti
io aspettavo con la testa chinata da una parte, per avere uno stupore decente
poi il suo tronco gommoso cadde a terra, morto
senza avermi fatto nemmeno un po’
con il collo ficcato nella sabbia.
Le tipe coi colli lunghi si assomigliano tutte
le tipe con gli occhi belli se le vuoi,
falle guardare sempre in su.

Tags: , , , , ,

Category: Amore e robe umide | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

Un Commento

Leave a Reply

What is 5 + 12 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)