A me piace quel fiore


di Azael
9 giugno 2010

*Poesia nella quale il poeta vanta le virtù delle cose immarcescibili su quelle periture, tirandole a sé per farne esercito di oscenità

Tu hai un fiore
a me piace quel fiore

no, non è una metafora per dire fica
le metafore hanno rotto il cazzo

è proprio un fiore
coi petali,

il profumo no, perché a occhio mi sembra finto
di plastica, di seta, non lo so

a  me piace quel fiore
non perché sia bello di per sé

è un fiore, cazzo, non la cappella sistina
o il lago di como

mi piace perché ce l’hai in testa
e ti fa diventare la testa una specie di composizione

un centrotavola,
mi piace per quello

ci passerei del tempo in un tavolo con un centrotavola così
appoggiandoci i gomiti e ticchettando con le dita sui bordi

poi sotto al tavolo
dondolerei con le gambe

nel segreto del sotto del tavolo
senza che sopra, all’altezza del centrotavola, ci si accorga di nulla

e magari
mentre sopra sarei tutto preciso e composto, a parlare di cose asessuate

sotto sarei un mulinello di gambe e oscenità
e il tuo bel fiore, là sopra, saprebbe,

saprebbe tutto, cazzo
ma non direbbe nulla

fermo, come un centro tavola
bello, come un fiore infrangibile

farebbe finta di niente, per non mischiare le nostre cose col mondo ignaro
complice e figlio di puttana

quanto nemmeno un lago di como,
o un fiore normale che appassisce

o una stupida cappella sistina.

Tags: , , ,

Category: Amore e robe umide | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

2 Commenti

Leave a Reply

What is 14 + 10 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)