Madonne puttane


di Azael
26 agosto 2010

*Poesia nella quale il poeta dorme scomodo, circondato da cose paurose di tepore

Esistono madonne puttane di peluche?

di quelle che uno ci dorme, se le abbraccia e le tiene vicino alla guancia
e poi si sveglia nel cuore della notte
e dice “madonna puttana, eccoti!”.
Esistono quelle madonne puttane di peluche?

E i cani randagi con la rogna che abbaiano da sotto il letto
di quelli che appena chiudi gli occhi
ti saltano sul letto e ti mangiano la faccia
e ti lasciano agonizzante
a sognare, nel tepore dello squartamento, le cose tue belle?
Esistono quei cani randagi?

Perché, se non esistono,

di tutta questa esagerazione di notte
delle mie guance abbandonate
della birra calda di piscio

farò un mucchio, appiccherò un fuoco, mi ci siederò accanto

a tracciare nel fumo

due cani randagi, uno qualunque dei tuoi polpastrelli, un respiro arrossato
sei settecento
madonne puttane.

Tags: , , , , ,

Category: Amore e robe umide | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

28 Commenti

Leave a Reply

What is 12 + 13 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)