Nessuno ha mai scritto una cazzo di poesia western


di azael
6 luglio 2011

*Poesia nella quale il poeta, stanco del cinema muto, affronta il delicato problema dell’estinzione

La diligenza corre come un sasso,
uno stormo di cavalli intenti
nitrisce verso Brownwood
la banda di Wilcox ha nascosto le casse di armi
in quella vecchia miniera abbandonata

prima che il sole torni alto
saranno polvere e vite mozzate, cavalli impazziti
dollari
dollari impolverati, whisky, una montagna di dollari
per quel senz’anima di Wilcox.

Prima che il sole torni alto.

Ma dopo,
una moltitudine di indiani non protagonisti
la sera
si tolgono la penna e la ripongono in un fazzoletto
gli sceriffi si lavano i denti
tu mi dici mai più, in un’altra scena

quel bastardo di Wilcox si guarda allo specchio
e capisce, in un luccichìo del suo dente d’oro,
che mai più
lo puoi dire se,
solo se, quando gli indiani sono diventati delle pippe,
tu c’eri.

Tags: , , , ,

Category: Filosofie da asporto | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

2 Commenti

  • secondo me è bellissima

  • fantastica!

    ti metto una poesia su western, ben diversa, con tutto un altro zoom, la tua è originale, nella tua no nc’è solo western, ma il sogno che ci è stato trasmesso da un Cinema che sembra arte lontana di registi lontani, un’altra storia, un altro presente.

    ti metto qui una mia poesia scritta l’anno scorso con un mio amico (tutto per condividere l’amore per la poesia, per i film muti, per gli indiani, per il western, per morricone che metteva la musica,ecc.)

    -Cowboy-

    Il respiro tra polvere rotola
    incastrato fra rami secchi di salsole
    che corrono verso l’ovest agoniato

    Dall’oro la mia pelle brucia
    L’angelo custode è la mia pistola

    Donami whisky,
    donami bocca di rum,
    luna spietata che scruti
    da dentro il saloon,
    aprirò il tuo cuore
    slacciando giarrettiere di pizzo e cuoio

    Sparerò alle ombre
    e ai soldi…
    come appollaiato straniero,
    condor su teschi di deserto,
    cavalcando verso orme cancellate
    e suoni di carillon sposati al silenzio…

    Ti bacerò ancora, pallida Luna…

    http://www.facebook.com/notes/poesie-di-giorgia-spurio/poesie-a-4-mani-giorgia-spurio-e-el-corripio/274138889270448

Leave a Reply

What is 15 + 7 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)