Sei scappata perché era brutto tempo


di azael
14 febbraio 2012

*Poesia nella quale il poeta calcola il resto tra partenze e ritorni e si ritrova con un palmo di naso

Sei scappata perché era brutto tempo

hai scansato le tende e c’era uno di quei tempi bianchi senza pioggia e senza sole
uno di quei tempi neutri
che assomigliano ai sussidiari delle elementari, quelli da colorare, ma che nessuno ha colorato perché il bambino incaricato era morto di tristezza la sera prima,  in circostanze tutte da chiarire,  nel letto a baldacchino della sua badante austriaca

i bambini non hanno badanti
hanno tate
lo so
questo aveva la badante

pensa quanto poteva essere triste il giorno in cui sei scappata

sei scappata a perdita d’occhio, come gli aereoplani sugli oceani nuvolosi
indaffarata a scappare come le camionette della forestale

sei scappata, e hai fatto una cosa giusta
io qui però non sto tanto bene
è sempre domenica, come nei desideri degli imbecilli
è sempre medioevo, come nei sogni ingiusti dei bacilli della peste
e il tempo è un tempo di bianco, palazzi e marciapiedi

sei scappata, e hai fatto bene
ma ora torna, ti prego, torna
anche di notte

se torni
farò maturare le albicocche.

Tags: , ,

«
Category: Amara società, Amore e robe umide | RSS 2.0
| Scrivi un commento | trackback

7 Commenti

  • Ma è presto per le albicocche.

  • Quindi finalmente ho trovato una poesia che mi spalanca gli occhi di stupore e poi mi lascia stanca.

    la stesura di questo commento, che di suo non era semplice da scrivere, [ resa ulteriormente complicata dal fatto che la tastiera del mio pc ha iniziato a scrivere i simboli random. per esempio la e con l-accento, duepunti [. e l-apostrofo, duepunti -.

    Il simbolo che segue [ un occhiolino <(

  • Vi sono dei momenti di una bellezza lacerante.
    Scrittura di risonanze e segreti.
    l.s.

  • io tornerei immediatamente, se uno facesse maturare per me le albicocche.
    ma anche se facesse maturare i lamponi o le ciliegie o le more o le pesche o le mele cotogne…no, per le mele cotogne non tornerei.

    o forse sì, anche per quelle tornerei.

  • elena

    non ci consociamo. credo che questa poesia sia immensa.
    la so a memoria ormai.
    grazie chiunque tu sia.

  • CroceC

    Ahah!Speriamo nn torni con la camionetta dei pompieri.

  • CroceC

    Ah erano della forestale.
    AHAH! I sogni ingiusti dei bacilli della peste- ci intitolerei il blog.

Leave a Reply

What is 7 + 5 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)